Il commercialista risponde

Aggiungi una nuova domanda.
Da
Visitatore del sito
- Inviato il 21/12/2015 - 18:07

Una startup innovativa Srls costituita in Marzo che ha pagato solo per il costo del dominio internet e la pec deve fare la chiusura dell'iva per l'anno 2015? e l'amministratore deve pagare i contributi? Grazie

Buongiorno,

si, a prescindere dal fatto che durante l’anno siano state emesse o si siano ricevute fatture la dichiarazione iva va comunque presentata (anche se a zero).

Riguardo la domanda inerente l’amministratore se la domanda è se sono dovuti dallo stesso contributi Inps dipenderà se lo stesso ha percepito o meno un compenso.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 19/11/2015 - 22:31

se apro una startup innovativa come srls unipersonale per vendere servizi tecnologici che ho realizzato, se sono solo amministratore senza essere lavoratore posso pagare l'inps separatamente solo come amministratore a seconda di se e quanto fatturo?grazie

Buongiorno.

Se la sua attuale attività è solo quella caratteristica dell’amministratore può certamente solo essere iscritto alla gestione separata pagando i contributi Inps in proporzione al compenso a lei assegnato dall’assemblea. Al contrario se la sua attività è anche di tipo operativo il solo inquadramento come amministratore non pare sufficiente.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 14/10/2015 - 14:12

Nel caso in cui si avvi un nuovo ramo d'azienda è possibile considerarla una start up e accedere ai finanziamenti relativi?

Buongiorno. Per come è posto il quesito si presume che avendo lei già una società avviata voglia con la stessa iniziare una ulteriore attività. In questo caso non si può parlare di start up con tutte le conseguenze del caso.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 01/10/2015 - 09:40

Salve, siamo una start up. Vorremmo sapere se ci si può avvalere del contratto di collaborazione occasionale o procacciatori d'affari occasionale per attività commerciali saltuarie?Grazie

Le prestazioni di lavoro occasionale trovano la loro fonte normativa nell’articolo 2222 e segg. del Codice Civile riferito al contratto d’opera. Tali prestazioni devono essere episodiche e casuali, completamente svincolate dalle esigenze di coordinamento e/o inserimento con/nell ’organizzazione del committente.

Pertanto, in presenza dei suddetti requisiti (quindi NON deve essere accertata l’abitualità dell’attività, ovvero il coordinamento e/o l’inserimento con/nell’ organizzazione del committente) è possibile lo svolgimento occasione dell’attività di procacciatore d’affari.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 03/09/2015 - 16:22

buongiorno, tra i requisiti delle start-up è indicato "Team formato per 2/3 da personale ....." . Quali sono le caratteristiche del rapporto di lavoro che possono e/o devono sussistere perché una persona sia considerata in tale proporzione? Grazie

Buongiorno. In linea generale qualsiasi lavoratore percipiente un reddito di lavoro dipendente ovvero a questo assimilato può essere ricompreso tra la forza lavoro rilevante ai fini della verifica della percentuale di forza lavoro altamente qualificata. Per maggior chiarezza si sottolinea come i soci amministratori possano considerarsi come forza lavoro soltanto se anche soci-lavoratori o comunque aventi un impiego retribuito nella società a qualunque titolo.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 05/08/2015 - 13:04

Salve, sto attivando una start up che produce oggetti di design e vorrei sapere se esistono limiti per il regime dei minimi attualmente in vigore riguardo alla possibilità di commerciare con l'estero? Grazie

Buongiorno. Nel suo quesito non si comprende bene se intende costituire una società o una impresa individuale. Nel primo caso (società) non è applicabile il regime dei minimi, nel secondo caso (impresa individuale) è possibile effettuare operazioni di acquisto/vendita nella Comunità europea mentre non sono concesse operazioni di esportazione.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 17/07/2015 - 10:16

L'amministratore unico di una SrlS startup innovativa non deve versare a INPS e INAIL se non ha dipendenti e già paga un ente previdenziale come libero professionista cioè inarcassa?

L’Amministratore di s.r.l. deve obbligatoriamente essere iscritto all’inail e pagare quanto dovuto sulla base della tipologia di attività svolta. Per quanto riguarda l’aspetto previdenziale sarebbe necessario valutare il caso specifico.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 08/07/2015 - 10:08

Salve sono già amministratore di una start up innovativa, volevo sapere gentilmente se è possibile aprire una nuova start up innovativa ed essere amministratore di entrambe. Grazie anticipatamente.

Non ci sono divieti di legge specifici per essere amministratore di più società contemporaneamente. Ovviamente nel caso le due società operino nello stesso settore ci si dovrà porre la problematica inerente ad eventuali conflitti d’interesse.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 02/07/2015 - 09:04

Salve, vorrei costituire insieme ad un'altra socia una srls. Quello che vorrei sapere è se è vero che è obbligatorio pagare per almeno uno dei soci i contributi INPS, non sono riuscita a capire se va fatto oppure si può evitare. grazie

Se l’attività che andrete a svolgere è solamente l’attività di amministratori della società stessa, non è necessario pagare i contributi fissi Inps (gestione commercianti) e pagherete solamente quanto previsto dalla gestione separata in base al Vostro compenso per l’attività svolta.

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 03/03/2015 - 19:28

Siamo 2, 39 e 43 anni possiamo aprire una società srls? Possiamo fare entrambi amministratori? I costi di apertura?

Per partecipare alla costituzione di una Srls non ci sono limiti d’età e non ci sono cause tali per cui non possiate entrambi fare gli amministratori.
Quanto ai costi, vi rimandiamo alla risposta al link: http://www.emiliaromagnastartup.it/content/quali-sono-i-costi-aprire-una-srls-e-la-gestione-contabile-annuale

Da
Visitatore del sito
- Inviato il 21/02/2015 - 18:06

Quali sono i costi per aprire una srls? e per la gestione contabile annuale?

Al momento dell’apertura di una Srls non sarà dovuto alcun compenso al notaio mentre saranno: Diritti della Camera di Commercio (Euro 200), Imposta di Registro (Euro 168) e spese per la denuncia d’inizio attività.
I costi della gestione annuale della contabilità saranno simili a quelli di una Srl normale, dipenderà quindi, in linea di massima, dalla mole di lavoro necessaria per l’espletamento degli adempimenti obbligatori.         …

Pagine