Scent

Settore di applicazione
Smart Specialisation Strategy
Leadership in Enabling and Industrial Technologies

SCENT S.r.l. (SemiConductor-based Electronic Network for Tumors) è una società la cui mission è quella di progettare, testare, produrre e commercializzare strumenti di screening per rivelare formazioni tumorali attraverso analisi di variazioni chimiche nelle composizioni dei gas emessi dal corpo, sia direttamente che indirettamente attraverso materiale organico.

Tali screening risultano innovativi rispetto a quelli tradizionali, basati sull’analisi di materiale organico prelevato da tessuti umani, e hanno il vantaggio di essere meno invasivi per il paziente e più completi, in quanto vengono analizzate numerose variabili mai prese in considerazione dagli strumenti in commercio, ma efficaci marcatori tumorali secondo la letteratura scientifica.

Una prima applicazione riguarda lo screening preliminare di formazioni tumorali al colon-retto (sin dallo stadio di adenoma). Lo strumento per il monitoraggio, indicato con il nome di SCENT A1, ora in forma prototipale (brevetto italiano ed ottenuta la richiesta di estensione internazionale PCT), ha come caratteristiche portabilità, basso costo e semplicità di utilizzo anche da parte di personale non qualificato. SCENT A1 costituirà una forma di pre-analisi nell’ambito della diagnostica del cancro al colon-retto (CCR), che attualmente si affida a metodologie non completamente affidabili, come la ricerca del sangue occulto nelle feci (FOBT), oppure invasive e costose, quali la colonscopia e la sigmoidoscopia, fonti di ulteriori disagi per pazienti già debilitati e spesso anziani.

L’idea si inserisce nel settore della medicina preventiva. Lo scopo è di promuovere la consapevolezza e l’indagine preventiva tramite un metodo non invasivo per diagnosticare formazioni tumorali al colon-retto con screening preliminare. Lo strumento fornirà al sistema sanitario un metodo di pre-diagnosi sicuro ed efficace, di supporto al test FOBT, già accettato dal sistema sanitario ed obbligatorio per tutti i soggetti di età superiore a 50 anni. SCENT A1 agirà affiancandosi a quest’ultimo, al fine di ridurre il numero di falsi negativi, la cui esistenza è nota (superiore al 20%) ed è causa di intervento tardivo.

Negli stati in cui non è presente il test FOBT o alcun tipo di screening preventivo, come ad esempio in Russia, Polonia, Brasile, Spagna, Germania SCENT A1 si proporrà, a seguito della validazione clinica, come metodo di diagnosi preliminare sulla popolazione a rischio.

L’idea è nata a partire dalla lettura ed approfondimento di articoli di interesse medico-scientifico ed è stata oggetto di tre tesi di laurea in fisica. Un ramo in continua evoluzione nella diagnostica dei tumori è basato sulla rivelazione di composti organici volatili (VOC), composti che presentano un’alta pressione di vapore a temperatura ambiente. Tali composti hanno diversa natura chimica a seconda della tipologia di carcinoma e sono originati dalle cellule malate a causa della modificazione della struttura proteica della membrana (perossidazione) e dall’attività metabolica. I VOC possono essere identificati sia direttamente, ossia nell’ambiente che circonda la cellula, che indirettamente, tramite il respiro, dopo esser stati convogliati dal flusso sanguigno agli alveoli polmonari. SCENT A1 è incentrato sulla diagnosi preliminare specifica del CCR (sin dallo stadio di adenoma) ed essendo tale tumore localizzato nella regione intestinale, è noto in letteratura e verificato da test di laboratorio, che i VOC da esso generati influenzano direttamente anche la composizione delle feci, alterandone l’odore. Lo strumento di diagnosi da noi proposto è dunque capace di individuare con estrema precisione proprio tali alterazioni, in modo da fornire un criterio di distinzione tra feci di soggetti sani e di soggetti affetti da polipi o carcinomi intestinali.

La principale innovazione consiste nell’applicazione delle nano-strutture al campo medico, un settore di notevole interesse attuale sia in ambito industriale che ospedaliero. SCENT A1 è costituito internamente da un array di sensori nano-strutturati a base di polveri di semiconduttori, capaci di monitorare piccole variazioni di concentrazioni gassose dell’ordine delle decine di parti per miliardo (ppb), in linea con le variazioni dei VOC all’interno del corpo umano. Esso fornirà un metodo efficace e non invasivo per lo screening del CCR sin dallo stadio di adenoma, mediante l’analisi dei gas prodotti da un campione di feci.

Attualmente SCENT A1 è in forma di MVP (Minimum Viable Product) brevettato in Italia e con deposito di domanda PCT. L’esecuzione di test in laboratorio ha dato riscontri estremamente positivi in merito alla capacità di SCENT A1 di distinguere campioni di feci di soggetti sani da campioni di pazienti affetti da polipi, mediante un semplice sistema a soglia. Ulteriori test in doppio cieco saranno necessari ai fini della certificazione dello strumento. Modifiche all’elettronica e packaging contribuiranno a renderlo “user-friendly”, meno ingombrante e pronto per l’inserimento sul mercato. Da maggio 2016 è stato avviato il protocollo di validazione clinica del dispositivo in collaborazione con i gastroenterologi dell’Ospedale Universitario S. Anna di Ferrara (UNIFE) e l’Unità Operativa Igiene Pubblica, Dipartimento Sanità Pubblica (AUSL). A seguito dell’approvazione dello stesso da parte del Comitato Etico, tutti i soggetti risultati positivi al test FOBT che si rivolgono al Centro Screening dell’Emilia Romagna che ha sede a Ferrara sono invitati ad eseguire anche il test SCENT A1 prima di essere sottoposti a colonscopia. Essi riceveranno un contenitore apposito che dovranno restituire congelato con il campione all’interno. Gli esiti del test saranno poi confrontati sia con i risultati del FOBT che con quelli della colonscopia, eletta a gold standard. I test proseguiranno per almeno un anno al fine di calibrare e poi validare clinicamente SCENT A1.

L’organigramma aziendale dei Soci, formato da otto persone, è il seguente:

  • Cesare Malagù: Presidente del Comitato Scientifico di SCENT
  • Giulia Zonta: Responsabile Commerciale e Responsabile alle Risorse Umane
  • Sandro Gherardi: Responsabile Tecnico ed Informatico
  • Andrea Gaiardo: Esperto Chimico
  • Alessio Giberti: Esperto Analisi Dati
  • Nicolò Landini: Amministratore Unico

Antonio Cimelli, Elena Pezzi, Claudio Bolognesi e Davide Ferrari sono i primi soci investitori di SCENT.

Di seguito una lista degli obiettivi raggiunti da SCENT S.r.l da prima della costituzione (1 aprile 2015) ad oggi:

  • Realizzazione del primo prototipo SCENT A1 - Gennaio 2013
  • Vittoria della StartCup competition - Ottobre 2014
  • Domanda di brevetto nazionale per SCENT A1 - Ottobre 2014
  • Vittoria con SCENT A1 del premio YEI Franci@Innovation 2014 -D icembre 2014
  • Innovami IMOLA, Premio per la migliore idea imprenditoriale - 17 Giugno 2015
  • Vittoria del Premio Marzotto 2015 - Novembre 2015
  • 5° posto nella biotech top 15 di StartupItalia – Luglio 2016

Informazioni

Referente/Imprenditore

Giulia
Zonta
Responsabile Commerciale

Contatto

info@scent-srl.it

Indirizzo

Via Quadrifoglio
11
Ferrara
FE

44.80133, 11.6357346

News

Eventi

Comunicati stampa